NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Comicsblog – Continua… – i primi quattro numeri

L'ultimo "Dentro il fumetto" dell'anno è dedicato a un'analisi delle serie a fumetti viste sinora sulla rivista in PDF "Continua…" della Daniele Tomasi Editore.

di Nicola D’Agostino

Continua... copertine dei numeri 1, 2, 3, 4

“Continua…” è un’ambiziosa iniziativa editoriale della DTE di Daniele Tomasi, che ne è l’editore e in buona parte anche autore. L’obiettivo è quello di sposare distribuzione digitale e edizioni cartacee grazie a una rivista diffusa gratuitamente in PDF via Internet con storie a fumetti che poi proseguono e si concludono in forma di volumi stampati on demand.

Di “Continua…” abbiamo parlato in agosto, poco dopo l’annuncio, ponendo per l’occasione anche qualche domanda a Tomasi. Da poco è disponibile il quarto numero ed è giunto il momento di esaminare i fumetti apparsi sinora.

Anche se la rivista contiene diversi articoli e saggi sul fumetto e sui suoi autori è indubbio che l’attrattiva principale di “Continua…” siano le serie, tre per la precisione. Due sono inedite, “Aquila” e “Grimorius”, mentre una è la ristampa della strip “Debbie Dillinger”. Sono tutte in bianco e nero e molto diverse per genere, tratto e numero di tavole. Vediamole più in dettaglio.

Presentato sempre all’inizio e in brevi ma avvincenti puntate di sole tre pagine, “Aquila” è un fumetto supereroistico ambientato in Italia di impostazione realistica. Attraverso i ricordi di un giornalista vengono narrate in flashback le vicende di un anacronistico paladino nostrano della giustizia, dalle sue prime avventure sino alla sua scomparsa.

Aquila su Continua... n. 4

Nonostante la poca originalità dell’idea di base sia il soggetto di Gianfranco Loriga che la sceneggiatura di Jo Pili sono buoni e la storia funziona. È lodevole lo sforzo di calare il personaggio nella realtà italiana con un background nel periodo del fascismo e un’attività ambientata anche nel periodo “caldo” degli anni ’70 ma indubbiamente il punto forte di “Aquila” sono i disegni di Daniele Tomasi che per l’occasione impiega il suo tratto realistico alla Neal Adams coniugando uno storytelling solido con inquadrature d’effetto e la giusta dose di azione.
“Aquila” proseguirà per altri due numeri e poi passerà all’edizione in volume in cui troverà la sua conclusione.

“Grimorius” è invece un fumetto di tipo fantastico con venature horror ambientata nella seconda metà del XVII secolo, tra Europa e America.
Testi e disegni sono entrambi di buon livello, a firma del duo Stefano Pavan-Mirko Benotto, con Tomasi a dare una mano alle chine.

Grimorius su Continua... n. 4

Da quanto visto sinora “Grimorius” è un mosaico composto da vari avvenimenti misteriosi con un personaggio principale dai poteri soprannaturali partito alla volta del nuovo continente dove (probabilmente) lo attendono avventure e forse anche l’amore. Purtroppo, nonostante le numerose pagine già pubblicate (ben otto in ogni numero), la storia è ancora in alto mare e per ora non resta che seguirne l’evolversi sperando che gli autori chiariscano tutto e non tradiscano le ambiziose premesse.

Vediamo per ultima l’unica opera già edita. È la strip noir “Debbie Dillinger”, serializzata originariamente sul sito Comicus.it e poi raccolta in tre volumetti a sviluppo orizzontale stampati e venduti dalla DTE.

Debbie Dillinger su Continua... n. 4

Secondo Tomasi “Debbie Dillinger” è riproposta “per cercare nuovi lettori” ma non è da escludere che serva anche come riempitivo momentaneo per altri fumetti ancora pronti (dubbio che viene guardando il sommario originario di “Continua…”). Detto questo la lettura è decisamente piacevole nonostante qualche ingenuità qui e lì nelle prime strip e il fatto che il formato A4 si sposi poco con il formato originario a stricia.
I testi sono del team composto da Sergio Calvaruso, Marco Rizzo e Alessandro Scalmani mentre Daniele Tomasi fornisce una buona prova (che migliorerà ulteriormente più avanti, come sa chi ha acquistato i volumetti) di tipo cartoonesco con un tratto essenziale e molto pulito, segno della sua versatilità e professionalità come storyteller.

Nonostante questi e altri appunti che si potrebbero fare, il giudizio sui primi quattro numeri di “Continua…” è positivo, non fosse altro per l’entusiasmo e il coraggio dimostrato. Sono doti che vanno premiate con il download dei numeri, la lettura e il feedback a editore e autori e, se le opere mostreranno di meritarlo, anche con l’acquisto in versione stampata.

Articolo originariamente pubblicato su Comicsblog.it



Pubblicato il 31/12/2010 e archiviato in: articoli  
Tag: , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link