Nicola D'Agostino (.net) - Editoria, formazione, grafica, web

MusicBlob – Utenza e catalogo di iTunes (Store) versione 8

Il rilascio dell’ottava versione di iTunes la scorsa settimana è un’occasione per estrapolare alcuni dati sulle attività musicali di Apple e confrontarli con quelli precedenti.

di Nicola D’Agostino

jobsitunes8.jpgIgnoriamo in questa sede tutto il (floridissimo) versante iPod e concentriamoci solo su iTunes che come software, secondo Steve Jobs, gode ormai di 65 milioni di utenti e sarebbe “l’applicativo numero 1 sia per Mac che PC”. Se il primo dato è da accettare sulla fiducia, visto che in passato Apple non ha divulgato cifre sull’utenza, il secondo è plausibile dopo cinque anni di successi dello Store per cui sicuramente vera la descrizione ufficiale, “il #1 al mondo dei negozi online di musica” (che però stranamente nella versione italiana è stata resa con un più generico “Il più incredibile negozio di musica online al mondo”).

In quanto alla parte commerciale in un incontro organizzato da Apple con la stampa italiana si afferma che sono
65′000 gli account con “carta di credito” e cioé che hanno effettuato almeno un acquisto dall’azienda di Cupertino in questi cinque anni (o quattro se in Europa).
La cifra però pare molto bassa e potrebbe rivelarsi un refuso, a cui mancano semplicemente tre zeri: sei mesi fa, a febbraio 2008, Apple annunciava infatti che l’iTunes Store aveva più di 50 milioni di clienti.

8.5 milioniNella stessa occasione si citava un catalogo di oltre sei milioni di brani che è ora cresciuto a “oltre otto milioni e mezzo”. Altri dati generali sul catalogo dello Store vedono 30′000 trasmissioni televisive, 2′500 film e ben 3′000 applicativi per iPhone iPod touch. Quest’ultima categoria, complice la presenza di molto software gratuito, ha registrato cento milioni di download in due mesi e ha già eclissato -fatte le debite proporzioni- il record dei file musicali che è stato di due milioni nello stesso periodo*.

* come riportato nel foglio di calcolo scaricabile in vari formati dall’archivio dei documenti di Storie di Apple.

Articolo originariamente pubblicato su Musicblob.it