Nicola D'Agostino (.net) - Editoria, formazione, grafica, web

Tag: email

Your in-box should now be empty. Or maybe not.

From: http://www.iht.com/articles/2009/03/05/technology/05basics.php

Your in-box should now be empty. Think of this as its optimal state — your goal, from now on, will be to keep this space as pristine as possible, either empty or nearly so. To realize that goal, live by this precept: Whenever you receive a new message, do something with it. Don’t read your e-mail and then just let it sit there — that’s a recipe for chaos.

Or for better answers.
Do we really need to answer and deal as fast as we can with our communication?
How about establishing a middle ground and letting simmer some of those e-mails a bit before oblit^^ answering?

La comodità delle interviste via Internet

Dopo aver letto la versione italiana di “The Perfect Thing” sono finito sul blog di Steven Levy. Navigando a ritroso ho notato con piacere un intervento in cui si affrontano le differenze tra un’intervista “vecchio stile” e quella condotta per Instant Messaging (se va bene) oppure con l’ormai standardizzato metodo di inviare per e-mail una lista di domande.

La questione non è nuova e il nocciolo avevo provato ad esporlo in passato, sintetizzando un piccolo sfogo apparso su BoingBoing nel 2003.

Levy, da bravo articolista (ed intervistatore) qual è, approfondisce altri aspetti accessori ed essenziali tra cui evidenzierei

  • la fiducia che si deve necessariamente instaurare tra intervistatore ed intervistato
  • l’apertura mentale necessaria sia che si stia parlando de visu o che si conduca un più ingessato botta e risposta in differita
  • un occhio alla sintetiticità

Rispetto alla pagina o due della rivista stampata il maggior ‘respiro’ di una registrazione diffusa nella sua interezza* non necessariamente è a servizio dell’obiettivo. E del lettore.

* come file audio o trascrizione su un blog

Interviste o questionari?

“Email questionnaires are not interviews” è il succo di una riflessione (o una semplice constatazione?) che risale al 2003.

È però tutt’ora attuale e valida.

Di cosa parla la riflessione? delle profonde differenze che esistono tra una semplice lista di domande (immutabili) a cui si riceve una risposta (in differita) e una vera intervista. Quest’ultima dovrebbe essere frutto di interazione (in tempo reale) ed insieme ad alcuni svantaggi per chi la cura porta anche evidenti vantaggi, sopratutto per chi legge.

Avendo condotto entrambe le forme di ‘intervista” per svago (autori di fumetto) e per lavoro (articoli sull’ICT) sottoscrivo la riflessione e direi la differenza sia percepibile anche “a pelle” semplicemente (ri)leggendo qualche articolo e colloquio pubblicati su testate negli ultimi anni.

e-mail e fumetto

Prima o poi mi avventurerò ad esplorare la forte commistione di fumetto e Information Technology nelle opere dello scrittore britannico Warren Ellis, che su Internet è anche articolista e commentatore per Suicide Girls e Reuters nonché osservatore, animatore, ricercatore e scopritore di curiosità e di riflesso blogstar (grazie all’amicizia con la crew di BoingBoing.net).

manofmeatgmailcomIn questa occasione mi limiterò ad un dettaglio in cui mi sono imbattuto traducendo in italiano il primo volume di “Desolation Jones”: l’uso strumentale della posta elettronica e di GMail da parte di Ellis.
In una vignetta del primo numero della serie si vede chiaramente il mittente da GMail, che corrisponde all’intermediario di Jones, Jeronimus Corneliszoon, avvocato e ex-spia come il protagonista e gran parte dei personaggi coinvolti nella vicenda.
Corneliszoon, vista la sua peculoarità (che non intendo svelare a chi non ha letto il fumetto) ha l’account manofmeat {at} gmail(.)com. Ho provato a scrivere all’indirizzo che è stato registrato da qualcuno (lo stesso Ellis? qualcuno della casa editrice?) ma senza risposta.

Aggiungo che anche andersklimakks {at} gmail(.)com, account che porta il nome di un pittoresco personaggio di The Filth dello scozzese Grant Morrison, non è disponibile (sì, ci avevo provato io).
E no, anche in questo caso non ricevuto alcuna risposta ai messaggi inviati.