Nicola D'Agostino (.net) - Articoli, traduzioni, grafica, web

Tag: edicola

“I primi font del Macintosh” su Applicando 340

Copertina di Applicando 340È in edicola il numero 340 di Applicando, con data settembre 2014, e all’interno trovate un nuovo articolo per la rubrica di Storie di Apple.

In “I primi font del Macintosh” si ricostruisce una parte molto importante del lavoro fatto nei primi anni Ottanta in Apple dalla designer californiana Susan Kare.

Storie di Apple su Applicando 340Dopo aver passato mesi a sfornare simboli e icone per i file e i menù del nascituro Macintosh, l’attenzione della Kare si rivolse a un aspetto che le stava molto a cuore, quello dei caratteri tipografici.

Il risultato dei suoi sforzi è un gruppo eterogeneo di font che porta nomi di grandi città, tra cui primeggia l’ormai celeberrimo Chicago.
Grazie al Mac e alla sua fortuna come strumento di editoria personale, questi caratteri hanno fatto non solo la storia dell’informatica, ma anche quella del design.

Vi auguro una buona lettura!

“I primi font del Macintosh” su Applicando 340

Copertina di Applicando 340È in edicola il numero 340 di Applicando, con data settembre 2014, e all’interno trovate un nuovo articolo per la rubrica di Storie di Apple.

In “I primi font del Macintosh” si ricostruisce una parte molto importante del lavoro fatto nei primi anni Ottanta in Apple dalla designer californiana Susan Kare.

Storie di Apple su Applicando 340Dopo aver passato mesi a sfornare simboli e icone per i file e i menù del nascituro Macintosh, l’attenzione della Kare si rivolse a un aspetto che le stava molto a cuore, quello dei caratteri tipografici.

Il risultato dei suoi sforzi è un gruppo eterogeneo di font che porta nomi di grandi città, tra cui primeggia l’ormai celeberrimo Chicago.
Grazie al Mac e alla sua fortuna come strumento di editoria personale, questi caratteri hanno fatto non solo la storia dell’informatica, ma anche quella del design.

Vi auguro una buona lettura!

“I primi font del Macintosh” su Applicando 340

Copertina di Applicando 340È in edicola il numero 340 di Applicando, con data settembre 2014, e all’interno trovate un nuovo articolo per la rubrica di Storie di Apple.

In “I primi font del Macintosh” si ricostruisce una parte molto importante del lavoro fatto nei primi anni Ottanta in Apple dalla designer californiana Susan Kare.

Storie di Apple su Applicando 340Dopo aver passato mesi a sfornare simboli e icone per i file e i menù del nascituro Macintosh, l’attenzione della Kare si rivolse a un aspetto che le stava molto a cuore, quello dei caratteri tipografici.

Il risultato dei suoi sforzi è un gruppo eterogeneo di font che porta nomi di grandi città, tra cui primeggia l’ormai celeberrimo Chicago.
Grazie al Mac e alla sua fortuna come strumento di editoria personale, questi caratteri hanno fatto non solo la storia dell’informatica, ma anche quella del design.

Vi auguro una buona lettura!

“I primi font del Macintosh” su Applicando 340

Copertina di Applicando 340È in edicola il numero 340 di Applicando, con data settembre 2014, e all’interno trovate un nuovo articolo per la rubrica di Storie di Apple.

In “I primi font del Macintosh” si ricostruisce una parte molto importante del lavoro fatto nei primi anni Ottanta in Apple dalla designer californiana Susan Kare.

Storie di Apple su Applicando 340Dopo aver passato mesi a sfornare simboli e icone per i file e i menù del nascituro Macintosh, l’attenzione della Kare si rivolse a un aspetto che le stava molto a cuore, quello dei caratteri tipografici.

Il risultato dei suoi sforzi è un gruppo eterogeneo di font che porta nomi di grandi città, tra cui primeggia l’ormai celeberrimo Chicago.
Grazie al Mac e alla sua fortuna come strumento di editoria personale, questi caratteri hanno fatto non solo la storia dell’informatica, ma anche quella del design.

Vi auguro una buona lettura!

“I primi font del Macintosh” su Applicando 340

Copertina di Applicando 340È in edicola il numero 340 di Applicando, con data settembre 2014, e all’interno trovate un nuovo articolo per la rubrica di Storie di Apple.

In “I primi font del Macintosh” si ricostruisce una parte molto importante del lavoro fatto nei primi anni Ottanta in Apple dalla designer californiana Susan Kare.

Storie di Apple su Applicando 340Dopo aver passato mesi a sfornare simboli e icone per i file e i menù del nascituro Macintosh, l’attenzione della Kare si rivolse a un aspetto che le stava molto a cuore, quello dei caratteri tipografici.

Il risultato dei suoi sforzi è un gruppo eterogeneo di font che porta nomi di grandi città, tra cui primeggia l’ormai celeberrimo Chicago.
Grazie al Mac e alla sua fortuna come strumento di editoria personale, questi caratteri hanno fatto non solo la storia dell’informatica, ma anche quella del design.

Vi auguro una buona lettura!

“I primi font del Macintosh” su Applicando 340

Copertina di Applicando 340È in edicola il numero 340 di Applicando, con data settembre 2014, e all’interno trovate un nuovo articolo per la rubrica di Storie di Apple.

In “I primi font del Macintosh” si ricostruisce una parte molto importante del lavoro fatto nei primi anni Ottanta in Apple dalla designer californiana Susan Kare.

Storie di Apple su Applicando 340Dopo aver passato mesi a sfornare simboli e icone per i file e i menù del nascituro Macintosh, l’attenzione della Kare si rivolse a un aspetto che le stava molto a cuore, quello dei caratteri tipografici.

Il risultato dei suoi sforzi è un gruppo eterogeneo di font che porta nomi di grandi città, tra cui primeggia l’ormai celeberrimo Chicago.
Grazie al Mac e alla sua fortuna come strumento di editoria personale, questi caratteri hanno fatto non solo la storia dell’informatica, ma anche quella del design.

Vi auguro una buona lettura!

“Il computer nello schermo” su Applicando 339

Copertina di Applicando 339Siamo ancora alla fine di luglio ma è già in edicola il numero 339 di Applicando, dell’agosto 2014, con una nuova rubrica targata Storie di Apple.

In “Il computer nello schermo” torniamo indietro di dieci anni, all’agosto del 2004 quando Apple presentò l’iMac G5, capolavoro di miniaturizzazione tecnologica e di design minimalista.

Estremamente potente e dalle dimensioni ridotte, oltre che bello da vedere, l’iMac G5 condivideva la stessa filosofia del “tutto in uno” dell’iMac G3 e ovviamente del primissimo Macintosh voluto da Steve Jobs.
Il nuovo iMac rivelò un successo, anche perché Apple puntò al numeroso pubblico che già usava ed amava l’iPod e il computer venne presentato come un abbinamento perfetto con il lettore digitale.

Come al solito vi auguro buona lettura. :)

“Il computer nello schermo” su Applicando 339

Copertina di Applicando 339Siamo ancora alla fine di luglio ma è già in edicola il numero 339 di Applicando, dell’agosto 2014, con una nuova rubrica targata Storie di Apple.

In “Il computer nello schermo” torniamo indietro di dieci anni, all’agosto del 2004 quando Apple presentò l’iMac G5, capolavoro di miniaturizzazione tecnologica e di design minimalista.

Estremamente potente e dalle dimensioni ridotte, oltre che bello da vedere, l’iMac G5 condivideva la stessa filosofia del “tutto in uno” dell’iMac G3 e ovviamente del primissimo Macintosh voluto da Steve Jobs.
Il nuovo iMac rivelò un successo, anche perché Apple puntò al numeroso pubblico che già usava ed amava l’iPod e il computer venne presentato come un abbinamento perfetto con il lettore digitale.

Come al solito vi auguro buona lettura. :)

“Il computer nello schermo” su Applicando 339

Copertina di Applicando 339Siamo ancora alla fine di luglio ma è già in edicola il numero 339 di Applicando, dell’agosto 2014, con una nuova rubrica targata Storie di Apple.

In “Il computer nello schermo” torniamo indietro di dieci anni, all’agosto del 2004 quando Apple presentò l’iMac G5, capolavoro di miniaturizzazione tecnologica e di design minimalista.

Estremamente potente e dalle dimensioni ridotte, oltre che bello da vedere, l’iMac G5 condivideva la stessa filosofia del “tutto in uno” dell’iMac G3 e ovviamente del primissimo Macintosh voluto da Steve Jobs.
Il nuovo iMac rivelò un successo, anche perché Apple puntò al numeroso pubblico che già usava ed amava l’iPod e il computer venne presentato come un abbinamento perfetto con il lettore digitale.

Come al solito vi auguro buona lettura. :)

“Il computer nello schermo” su Applicando 339

Copertina di Applicando 339Siamo ancora alla fine di luglio ma è già in edicola il numero 339 di Applicando, dell’agosto 2014, con una nuova rubrica targata Storie di Apple.

In “Il computer nello schermo” torniamo indietro di dieci anni, all’agosto del 2004 quando Apple presentò l’iMac G5, capolavoro di miniaturizzazione tecnologica e di design minimalista.

Estremamente potente e dalle dimensioni ridotte, oltre che bello da vedere, l’iMac G5 condivideva la stessa filosofia del “tutto in uno” dell’iMac G3 e ovviamente del primissimo Macintosh voluto da Steve Jobs.
Il nuovo iMac rivelò un successo, anche perché Apple puntò al numeroso pubblico che già usava ed amava l’iPod e il computer venne presentato come un abbinamento perfetto con il lettore digitale.

Come al solito vi auguro buona lettura. :)

“E allora fammi causa” su Applicando 338

Copertina di Applicando 338È in edicola Applicando 338, di luglio 2014, con una nuova rubrica mensile di Storie di Apple.

L’articolo si intitola “E allora fammi causa” e parla della nascita di un altro pezzetto di folklore informatico nato alla fine degli anni 80 e ormai parte della storia e cultura di Apple.

Storie di Apple su Applicando 338Qualcuno di voi l’avrà già indovinato… ebbene sì, è proprio l’irriverente suono di avviso “sosumi”, protagonista lo scorso mese della piccola sfida di “Indovina la versione”.

Nella rubrica su Applicando si ricostruisce l’origine del suono e del suo particolarissimo nome, e si parla del suo ideatore, Jim Reekes, lo spiritoso sviluppatore che ha lavorato per due decadi a Infinite Loop firmando oltre a sosumi diversi altri elementi audio importanti del Macintosh, e non solo, tuttora in uso.

Buona lettura!

“E allora fammi causa” su Applicando 338

Copertina di Applicando 338È in edicola Applicando 338, di luglio 2014, con una nuova rubrica mensile di Storie di Apple.

L’articolo si intitola “E allora fammi causa” e parla della nascita di un altro pezzetto di folklore informatico nato alla fine degli anni 80 e ormai parte della storia e cultura di Apple.

Storie di Apple su Applicando 338Qualcuno di voi l’avrà già indovinato… ebbene sì, è proprio l’irriverente suono di avviso “sosumi”, protagonista lo scorso mese della piccola sfida di “Indovina la versione”.

Nella rubrica su Applicando si ricostruisce l’origine del suono e del suo particolarissimo nome, e si parla del suo ideatore, Jim Reekes, lo spiritoso sviluppatore che ha lavorato per due decadi a Infinite Loop firmando oltre a sosumi diversi altri elementi audio importanti del Macintosh, e non solo, tuttora in uso.

Buona lettura!

“E allora fammi causa” su Applicando 338

Copertina di Applicando 338È in edicola Applicando 338, di luglio 2014, con una nuova rubrica mensile di Storie di Apple.

L’articolo si intitola “E allora fammi causa” e parla di un pezzetto di folklore informatico, nato alla fine degli anni 80 e ormai parte della storia e cultura di Apple.

>> Leggi il resto ““E allora fammi causa” su Applicando 338”