NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Microsoft: appuntamento a settembre per la prima beta di Internet Explorer 9

Basta con le anteprime per gli sviluppatori (e i media) e si procede verso la prima versione usabile del browser, dopo i progressi fatti sul versante della velocit√† e dell’aderenza agli standard del web.

di Nicola D’Agostino

Microsoft ha fissato per il 15 settembre il rilascio di una versione beta di Internet Explorer 9 con la promessa di mostrare “un web più bello e con un feeling nativo su Windows”

Dichiarazioni altisonanti a parte, la beta del prossimo Internet Explorer avrà un’interfaccia probabilmente minimale ma comunque più completa rispetto alle anteprime rilasciate sinora e consentirà di digitare indirizzi, spostarsi nella cronologia e gestire la navigazione. Questo vuol dire che renderà fruibili a un pubblico potenzialmente più ampio i notevoli risultati ottenuti a partire da marzo, quando è apparsa la prima Platform Preview.

Internet Explorer Platform Preview iconL’ultima Preview, la 4, oltre a spingere sulle performance di video e animazioni sfruttando l’accelerazione hardware, dopo Firefox ha scavalcato anche Safari nei test di velocità nell’elaborazione JavaScript ed è superata solo da Chrome e Opera.

Sono ulteriormente migliorati anche i risultati nell’Acid3 test, dove Internet Explorer 9 Platform Preview 4 totalizza un 95/100, fallendo solo in alcuni aspetti delle specifiche SVG (come i font) che sono ancora in fase di definizione.

In realtà sul versante degli standard del web moderni (ergo: HTML5) il browser di Microsoft accusa ancora diverse carenze. Non si tratta solo di punteggi più bassi: sia HTML5Rocks.com che HTML5test.com mostrano come sia ancora scarso o nullo il supporto a tecnologie estremamente promettenti come la geolocalizzazione, WebGL e i web workers, aspetti su cui Mozilla, Google, Opera e Apple sono in netto vantaggio.

In questi ultimi sei mesi Microsoft ha mostrato di voler e poter cambiare rotta e recuperare un bel po’ del terreno perso in anni di immobilismo. Si spera che a Redmond il lavoro di implementazione degli standard non si fermi ma anzi venga intensificato nel percorso che condurrà alla versione definitiva di Internet Explorer 9.

Articolo originariamente pubblicato su Mytech.it



Pubblicato il 19/08/2010 e archiviato in: articoli  
Tag: , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link