NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

L’OLPC punta sull’Italia

Sbarco in Toscana con una formula che punta sul sostegno di amministrazioni, aziende ma anche degli studenti della penisola.

di Nicola D’Agostino

Parte da Firenze e alla presenza dell’ideatore Nicholas Negroponte dell’Mit, il progetto Olpc (One Laptop per Child) Italia. Nell’incontro si è affermato che quello italiano è il primo passo per una cooperazione decentralizzata tra diverse città in sostegno ai paesi in via di sviluppo.

Oltre a pubblicizzare e finanziare la produzione dei portatili a basso costo si punta anche alla costituzione di una vera e propria infrastruttura ‘peer to peer’, grazie ad un insieme di partner pubblici e privati locali, nella speranza di oltrepassare le barriere burocratiche create dai governi centrali.

A livello distributivo ci si rivolgerà alla stessa fascia d’utenza dei paesi in via di sviluppo: saranno gli studenti delle nostre scuole dell’obbligo ad acquistare un laptop e contestualmente a donarne un altro a coetanei di un’altra città del Sud del mondo. Sul sito web è già disponibile un modulo d’ordine e il prezzo, da moltiplicare ovviamente per due, è al momento di 125 euro + Iva (negli Usa l’importo è di 400 dollari) ma viene dinamicamente aggiornato al variare del cambio.

Il cardine dell’Olpc è ovviamente il coloratissimo portatile XO e il suo modello educativo: nessun ostacolo alla fruizione della rete (è la scuola ad occuparsi dell’infrastruttura) come del computer stesso. Questo non ha password e tantomeno ne sono previste anche se in caso di furto è possibile una disattivazione da remoto.

Ancora più forte è l’imperativo all’apprendimento il più possibile al di fuori da schemi preconcetti: i bambini devono insegnare ai genitori, e il motto di tutto il progetto è rendere sorpassati gli attuali detentori della conoscenza. Durante la presentazione a Firenze è stato sottolineato che non è fornito alcun manuale e che tra i software è incluso Pippi, gioco che serve ad insegnare ai bambini ad usare il linguaggio di programmazione Python secondo le teorie dei pionieri Seymour Papert dell’Mit e di Alan Kay dello Xerox PARC da cui viene l’idea stessa di computer portatile.

Si confermano le caratteristiche innovative dell’hardware e lo sforzo per creare e realizzare qualcosa di diverso da quanto presente sul mercato. Due esempi lampanti sono il display e il risparmio energetico: lo schermo è leggibile anche in piena luce e in questa modalità, da visualizzatore di ebook, si possono spegnere lampada e anche processore arrivando ad un’autonomia di 10 ore. L’XO racchiude poi varie tecnologie e soluzioni inedite tra cui quella per il wifi che si basa su un protocollo creato appositamente e non ancora in commercio.

Concludiamo con una nota curiosa che testimonia l’approccio originale e l’attenzione all’utenza dell’XO. Il computer possiede delle viti in più nel suo assemblaggio: visto che ai bambini piace smontare e rimontare è stata fatta apposta con dei pezzi in più.

Si ringrazia Maurizio Buso per la preziosa collaborazione.

Articolo originariamente pubblicato su Mytech.it



Pubblicato il 14/03/2008 e archiviato in: articoli  
Tag: , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link