NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
FEED / / INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Linux senza installazione

Ecco le versioni del sistema operativo Linux su CD-ROM, già pronte per l’uso senza dover installare nulla.

di Nicola D’Agostino

Immaginate di trovarvi in un laboratorio informatico, o in un cybercafé, o ancora a casa di un amico e di poter ricreare in pochi minuti su questo computer a voi sconosciuto un ambiente attrezzato e configurato per le vostre esigenze.
Non sarebbe fantastico? Bene, è possibile. Basta inserire un cd nel lettore e riavviare per essere subito operativi. Il tutto grazie alle recenti e particolari versioni di Linux su CD-ROM, già pronte per l’uso senza dover installare nulla.

Un po’ di storia: tiny distros e live cds

Le distribuzioni Linux su CD non nascono dal nulla ma sono il logico proseguimento di una categoria molto particolare di versioni dette minimaliste, o "tiny", cioé minuscole.
Nel corso degli anni tra le numerose decine di distribuzioni ne sono nate diverse dalla grandezza ridotta: alcune sono pensate per sistemi embedded, altre funzionano da semplici directory e sono avviabili direttamente da Ms-Dos o Windows, altre sono addirittura "compresse" su un solo dischetto, come il pratico e compatto sistema-router Freesco.

Tuttavia questi Linux sono spesso il prodotto di un "hack": offrono solo un set specializzato (e quindi limitato) di
funzionalità e richiedono spesso conoscenze tecniche e tempo a disposizione per essere installate, configurate ed usate.
Ecco dunque che, più di recente, sono comparsi i "Live CD": versioni complete (o comunque molto ben dotate) di Linux, inclusive anche di interfaccia grafica, avviabili ed adoperabili da CD senza installare nulla.
Uno strumento pratico (e molto furbo aggiungerei) per permettere all’utente Windows indeciso o almeno curioso di dare una buona sbirciata al sistema operativo del pinguino prima della rituale e sempre traumatica formattazione e creazione di partizioni.

Slackware boot

I principali nomi che offrono "live CD" sono le storiche Slackware (che ha diffuso di recente una versione con l’ultimo ambiente grafico KDE) e Debian, la francese DemoLinux e GenToo (questa e Debian anche per le piattaforme RISC PowerPC) o la più commerciale SuSE.

Slackware KDE cpanel

Ma non sono i soli

A dire il vero i sistemi Linux non sono gli unici a poter essere eseguiti direttamente da CD.
L’OS/2 della IBM, il MacOS di Apple o ancora l’indimenticato BeOS (che sta ora rinascendo con il nome "Zeta" sviluppato dalla YellowTab), permettono non solo di avviare ma persino di creare setup personalizzati per riavviare la macchina in caso di problemi, ripristinare le postazioni di un laboratorio o ricreare un proprio ambiente di lavoro ovunque.

Tutte motivazioni che i sistemi Linux su CD condividono, con in più il vantaggio di essere a costo zero.
Perciò, laddove realizzare un cd avviabile con Windows è laborioso e problematico nonché funziona solo su alcune versioni, la modularità e flessibilità dei sistemi GNU-Linux, creati da smanettoni per gli smanettoni, ha fatto fiorire una miriade di iniziative, nate anche grazie alle preziose informazioni disponibili su siti come Linux From Scratch.

Cosa offrono i Linux su CD

Per descrivere o anche solo elencare il cosmo variegato e mutevole di distribuzioni disponibili sarebbe necessario occupare diverse pagine, perciò in questa sede ci limiteremo ad una concisa selezione di quanto è possibile scaricare e masterizzare e rimandiamo alle coordinate negli approfondimenti a fine articolo.

Attualmente lo scettro di versione più popolare, nonché apprezzata dagli smanettoni (molti dei quali hanno basato i loro Live CD di Linux su di essa), appartiene a Knoppix, creata da un ingegnere tedesco, Klaus Knopper, che è riuscito nell’intento che si prefiggeva: realizzare "un sistema denso di funzioni per dimostrazioni ed emergenze su un unico cd, che inoltre solleva l’utente dal compito di identificare l’hardware, configurare i driver, periferiche e l’interfaccia grafica".

Altri sistemi si specializzano invece ad esempio nella diagnostica e riparazione dei computer.
E’ questo il caso di SuperRescue o di Trinity Rescue Kit, basata su Mandrake 9.0 o di incredibili sfoggi di ottimizzazione come i progetti Bootable Business Card, LinuxCare BBC e LNX-BBC, pensate per entrare nel formato ridotto dei cd a forma di carta di credito (come dicono anche i nomi stessi).

Linux BBC boot

Linux BBC

Ancora più ragguardevole è
RepairLix che di mega ne occupa solo 12.

Altrettanto compatte sono Damn Small Linux, che con i suoi 50 megabyte occupati entra anch’essa su una cd-card, o lo scattante Freedom OS.
Non meno interessante è l’italianissima dyne:bolic, concepita come sistema multimediale e usabile come tool di produzione audio/video. Con questa versione di Linux oltre a scrivere, fare navigazione, elaborare immagini è possibile remixare, modificare, convertire, codificare audio e video, nonché fare streaming (come ampiamente dimostrato nell’edizione 2002 della manifestazione Hackmeeting).

dyne:bolic

Tornando infine in ambito più tecnico un altro utilizzo è naturalmente quello come strumento per effettuare analisi di rete. Linux è un sistema dall’ampio parco applicativi in questo ambito (pensiamo ad Ethereal o a Snort) e un vantaggio della soluzione su CD, oltre a permettere di essere operativi ovunque e in pochissimo tempo, è la non-modificabilità permanente del sistema (in quanto su sistema a sola lettura).

Da non sottovalutare perciò anche l’uso in attività di computer forensics, come consigliato anche in alcuni workshop sulla sicurezza.

Fire boot

Fire seriale

Per effettuare perizie, magari su macchine compromesse o su computer sequestrati durante casi di dibattimento processuale, sembra ad esempio ideale la distribuzione Fire che fornisce un ambiente specializzato.
Sia sotto ambiente grafico che in quello testuale Fire ha già installati diversi strumenti per svolgere attività quali "forensic analysis, incident response, data recovery", scansione antivirus, test di vulnerabilità e altro ancora.

Approfondimenti:

CD-Based Linux Distros
www.hrlug.org/cddistro.html

CDBased Linuxes
www.superant.com/cgi-bin/slencyclopedia.pl?CDBased

dmoz-livecdlinuxdistros
dmoz.org/Computers/Software/Operating_Systems/
Linux/Distributions/Live_CD/

Linux Distributions
www.linux.org/dist/list.html

Sponsor:
cdscreditobusiness card

Una versione di questo articolo è stata pubblicata su "Hacker Journal" n. 29 del 03/07/2003



Pubblicato il 3/07/2003 e archiviato in: articoli  
Tag: , , , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2018 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link