NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
FEED / / INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

iPad Magazine 10 – Il futuro è ad alta risoluzione

Dopo mesi di rumor e aspettative crescenti, è finalmente arrivato il nuovo iPad, con il suo schermo ad alta risoluzione, estremamente definito e dai colori accesi.

di Nicola D’Agostino e Serena Di Virgilio

Oltre che nelle immagini e nei filmati il cambiamento si nota in particolare sul testo che è leggibile come mai prima d’ora ed è ora così nitido che pare stampato su carta patinata.

Certo, esaminando le caratteristiche viene da chiedersi: quanto più veloce e scattante sarebbe stato un iPad con il vecchio schermo e il nuovo hardware? Quanto tempo in più avremmo potuto utilizzarlo prima della ricarica? Perché Apple ha scelto la strada dell’alta risoluzione, invece di quella della performance e dell’autonomia?

La risposta è che ancora una volta Apple ha voluto distinguersi sul mercato, con una strategia che evita la mera corsa a chi ha l’hardware più veloce e punta su un aspetto che non si misura con test o benchmark. Tra i tanti tablet che stanno uscendo, l’iPad è ancora una volta quello che offre qualcosa di tangibile, di unico e di desiderabile.

La presenza del Retina Display sul nuovo iPad si nota a prima vista e i suoi vantaggi sono evidenti e apprezzabili anche dall’utente comune, a cui da sempre Apple si rivolge. Non è quindi difficile immaginare che dopo iPhone e iPad, sarà la volta degli iPod touch come anche dei Macintosh. Il messaggio di Apple è chiaro, anzi chiarissimo: il futuro è ad alta risoluzione.

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata su iPad Magazine 10, del maggio 2012





Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2017 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link