NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Il messenger deve comunicare con tutti. Nasce l’Im Federation

Un’iniziativa per promuovere l’impiego di software di messaggistica basati su standard aperti, quelli di Jabber; e porre così fine all’incomunicabilità fra i diversi strumenti.

di Nicola D’Agostino

Si chiama Im Federation la nuova iniziativa del californiano Michael Robertson.
Fare finalmente ordine nel caos dell’Instant Messaging, diviso tra programmi, protocolli e aziende in concorrenza, interessate solo a coltivare il proprio orticello di utenti e non a fornire un sistema di comunicazione diffuso e interconnesso.

Robertson punta il dito principalmente contro AOL, Yahoo! e Microsoft e contro i loro sistemi chiusi di Im e dichiara giunto il momento in cui gli utenti dicano di no e pretendano un sistema che funzioni in maniera trasparente e globale così come succede per l’e-mail.

L’iniziativa non è solo di sensibilizzazione: Im Federation promuove anche di un sistema di Instant Messaging basato su standard aperti, quelli di Jabber con una rete mondiale di server, una lista di client e l’adesione in corso di vari enti e università: tra questi anche Google, che ha promesso di aderire con il suo Google Talk.

Articolo originariamente pubblicato su Mytech.it



Pubblicato il 19/10/2005 e archiviato in: articoli  
Tag: , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link