NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Google Browser Sync – Recensione e guida all’uso

Aperta, gratuita e multipiattaforma: è l’estensione per navigare con Mozilla Firefox ovunque come a casa propria.

di Nicola D’Agostino

Google Browser Sync è un’aggiunta sotto forma di estensione per il browser gratuito open source Firefox. Sviluppata e fornita da Google offre la possibilità di sincronizzare impostazioni e dati tra più copie del browser permettendo di essere ovunque subito operativi e produttivi.

Homepage di Google Browser Sync con il link per l'installazione

L’estensione, gratuita e installabile dalla pagina del progetto, archivia sul server e sincronizza i bookmark, la history (cronologia), i cookie e le password di accesso a siti e servizi. Tra le varie funzioni c’è anche quella di salvare lo stato della navigazione ricordando e ripristinando finestre e tab aperti.

Come e dove funziona

Google Browser Sync funziona sia con tutte le versioni di Firefox dalla 1.5 in poi su tutti i sistemi operativi per cui è disponibile il browser. Possiamo quindi usarla su Windows, Mac OS X, Linux e anche su altre piattaforme meno diffuse con la stessa semplicità ed efficacia. Il funzionamento è completamente automatico ma la prima volta richiede la creazione di un account presso Google dove verranno salvate le informazioni, protette da un PIN personale e naturalmente che su ogni copia del browser sia installata e configurata l’estensione.

Automatico e sicuro

Da qui in poi la sincronizzazione è automatica e trasparente e non richiede altre procedure o login. Dalla barra dei Bookmark (Segnalibri) o dal menù Tools (Strumenti) possiamo riaprire finestre e tab dell’ultima sessione (cosa che ci viene proposta in automatico all’apertura del browser) avere a portata di click i Preferiti e la Cronologia.

A ogni avvio di Firefox Google Browser Sync ci propone la lista di tab aperti precedentemente

È possibile cambiare account, attivare o disattivare la sincronizzazione o scegliere le singole informazioni che all’occorrenza verranno anche crittografata.
L’accesso ai dati di Google Browser Sync non solo è protetto da un PIN, una parola d’ordine chiesta la prima volta che si configura ogni copia di Firefox, ma anche da crittografia, attivata automaticamente per password e cookie e a scelta per il resto.

scelta dei tipi di dati da sincronizzare

Gli unici appunti che possiamo muovere al sistema sono al tempo che l’estensione richiede la prima volta che si configura e a qualche lungaggine in fase di chiusura di Firefox quando salva e trasmette i dati al server.

A chi serve

Il mix di funzioni di Google Browser Sync lo rende utile anzitutto a chi si sposta di frequente e cambia computer ed ha bisogno di ricreare velocemente il proprio ambiente di web browsing (e quindi di lavoro) su qualsiasi sistema operativo moderno.
Ma non solo: il salvataggio e sincronizzazione da remoto può rivelarsi utile anche a chi non ha bisogno di spostarsi ma vuole approfittare del ripristino veloce dello spazio di navigazione o avere una copia di sicurezza di dati e impostazioni in caso di crash, malfunzionamenti o problemi software e hardware.

Scheda tecnica
Google Browser Sync/Estensione per Mozilla Firefox
Prezzo: Gratuito
Voto: ***1/2
Lingua: inglese
Sito web: www.google.com/tools/firefox/browsersync/

Google Browser Sync in azione

Vediamo come usare l’estensione di Firefox per avere gli stessi bookmark su due computer con sistemi operativi diversi.

installazione estensione Browser Sync

1) Installiamo l’estensione
Per installare l’estensione andiamo all’indirizzo www.google.com/tools/firefox/browsersync/ e facciamo click sul link sotto la scritta “Install Now”. Qui bisogna leggere e confermare la licenza premendo “Agree and Install” e consentire l’aggiunta del file browsersync.xpi alla lista delle estensioni (chiamate anche “Componenti aggiuntivi”). Poi bisogna uscire e rilanciare il browser.

inserimento dati account

2) Inseriamo l’account
Al nuovo avvio di Firefox riceveremo un avviso sui possibili rischi per la privacy e la richiesta di fornire i dati del proprio account Google (va bene uno di Gmail, ad esempio) o di crearne uno ex novo tramite un link.

impostazione e PIN

3) Impostazione e PIN
Le due finestre seguenti chiedono di scegliere tra l’impostazione standard o avanzata (va bene la prima) e di inventare ed inserire un proprio PIN per criptare le informazioni riservate. Dopo qualche minuto comparirà una finestra di conferma dell’avvenuta registrazione.

Browser Sync pronto per essere usato

4) Pronti all’uso
Il risultato è un pulsante con il proprio nome utente sulla Barra dei Segnalibri di Firefox. Da qui, tramite un click e la selezione della voce “settings” si possono cambiare in ogni momento le impostazioni su cosa sincronizzare e se criptare i dati o meno. Lo stesso si può fare da Strumenti->Google Browser Sync.

Browser Sync su Windows

5) Su un altro computer
Se vogliamo usare Google Browser Sync su un altro computer dobbiamo installare l’estensione come al punto 1 e al successivo riavvio del browser inserire l’account Google e il PIN.

dati a disposizione anche su Windows

6) Dati a disposizione
Ed ecco anche qui disponibili bookmark, sessioni (in questo caso una) e quant’altro subito all’avvio di Firefox.

Una versione di questo articolo è stata pubblicata su "Total Computer 34" del marzo 2007



Pubblicato il 3/03/2007 e archiviato in: articoli  
Tag: , , , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link