NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Foxmarks, un’estensione di Firefox per i bookmark

Da utility per gestire gli indirizzi a servizio di ricerca. Ecco i piani di un piccolo software sviluppato da un grande nome dell’informatica.

di Nicola D’Agostino

Foxmarks è un’estensione gratuita per il browser Mozilla Firefoxper la sincronizzazione dei propri bookmark su più computer.

L’aggiunta aggiorna in background su più postazioni i preferiti archiviati in Firefox (dalla versione 1.5 in sù) e oltre ad avere gli url a disposizione in locale nel proprio browser, gli utenti di Foxmarks possono accedervi anche in maniera remota tramite il sito my.foxmarks.com

Dietro Foxmarks c’è un nome noto. Si tratta di Mitch Kapor, il pioniere dell’informatica fondatore della Lotus (suo è uno dei più noti fogli di calcolo, Lotus 1-2-3) e da alcuni anni impegnato con la Open Source Foundation nella produzione di alternative aperte e libere alle proposte Office di Microsoft. Anche Foxmarks è libero e gratuito e nel suo piccolo, decisamente fortunato: l’estensione conta più di 700.000 download e 350.000 utenti attivi.

L’estensione, in realtà, è solo l’inizio di un progetto ambizioso, come si legge sul sito. Kapor e il suo socio Todd Agulnick stanno infatti lavorando per l’esordio di un motore di ricerca che esordirà tra qualche settimana e si baserà su tutti i dati sincronizzati in questi mesi da Foxmarks.

L’idea è di capitalizzare e sfruttare gli indirizzi archiviati che sarebbero circa venti milioni. Si tratta di numeri molto più bassi rispetto ad un motore generalista come Google o anche a un servizio di bookmarking come del.icio.us ma con una qualità ed una cura delle informazioni (scelta, titolo, descrizione, annotazioni) superiore che viene dal lavoro (interessato) degli utenti.

In una dimostrazione pubblica i risultati di Foxmarks, seppure limitati a poche schermate, sono risultati estremamente più utili e rispondenti alle esigenze rispetto alla pletora di indirizzi offerti da Google e Yahoo, segno che la formula “pochi ma buoni” potrebbe rivelarsi una valida alternativa a quanto disponibile sul mercato.

Articolo originariamente pubblicato su Mytech.it



Pubblicato il 13/07/2007 e archiviato in: articoli  
Tag: , , , , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link