NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Disponibile l’app di Google+ per iPhone

Arriva il software nativo e ufficiale per iPhone per accedere – come su Android – al servizio che si propone come alternativa a Facebook.

di Nicola D’Agostino

Alla fine di giugno un’addetta di Google ha comunicato che l’azienda di Mountain View aveva creato un software per iPhone per accedere al suo nuovo social network e che era in attesa dell’approvazione e pubblicazione da parte di Apple. Dopo quasi tre settimane, l’app per Google+ è finalmente disponibile sull’App Store

Il programma recupera il vantaggio che avevano i dispositivi Android: il servizio è stato infatti accessibile da subito anche dal browser di iOS ed ha un’interfaccia ottimizzata per i piccoli schermi ma mancano (per ovvi motivi) alcune caratteristiche tra cui l’invio di foto.

Il software al momento non risulta nelle ricerche effettuate da iPhone (pare per motivi di cache dell’App Store) ma seguendo l’indirizzo diretto si arriva alla scheda ed è possibile scaricarlo e installarlo. La versione per iOS è molto simile a quella per Android, fatte ovviamente le dovute distinzioni sulle diverse interfacce.

Su iPhone non pare essere presente la funzione di “Instant Upload” che offre di caricare in automatico sul servizio tutte le foto e video appena vengono realizzati (e il cui utilizzo su Android viene proposto durante l’installazione). Altra differenza è che su iPhone (per ora) l’app non si può utilizzare in modalità landscape, con il dispositivo ruotato in senso orizzontale. Da segnalare infine che l’app per iPhone è unica mentre su Android Google ha scelto di distribuire anche un secondo software specifico per i Huddle, le chat di gruppo.

La versione 1.0 (0.1.0.1765 per l’esattezza) di Google+ per iPhone è gratuita e richiede iOS 3.1 o successivo. Non è ottimizzata per iPad ed è data per compatibile solo con iPhone 3G, iPhone 3GS e iPhone 4 senza alcuna menzione di nessun modello di iPod touch, probabilmente per l’impossibilità di usare le funzioni di geolocalizzazione. 

Articolo originariamente pubblicato su Mytech.it



Pubblicato il 19/07/2011 e archiviato in: articoli  
Tag: , , , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link