NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

BitTorrent con il browser

Dal seed al download tutto dentro il browser. Grazie a BitLet, con cui il downloading peer-to-peer di BitTorrent è ancora più immediato e alla portata di tutti.

di Nicola D’Agostino

BitLet è un sito sperimentale lanciato di recente che permette di ricevere (ma anche mandare) file torrent usando solo ed esclusivamente un browser come Mozilla Firefox o Internet Explorer. Realizzato in Java, BitLet gestisce tutte le fasi grazie al lancio di una applet e ci evita la trafila di scaricare o copiare indirizzi e seed dalle pagine web e poi di passarli ad un client esterno BitTorrent con cui fare il download vero e proprio.

Metafile, grazie

La home page di BitLet ha una finestra in cui inserire l’indirizzo del metafile torrent metafile e premendo il pulsante “Download torrent” di scaricarlo. A dire il vero sotto il campo per l’url ci sono ben due pulsanti, il secondo dei quali richiama l’ormai noto “I’m feeling Lucky” di Google ma in realtà non fa nulla.

La home di BitLet

Una volta dato in pasto a BitLet l’indirizzo del torrent si aprirà una nuova finestra rettangolare di tipo simile a quelle per il download. Stiamo vedendo l’applet in Java in azione che controlla l’url e subito dopo ci chiede in un’altra finestra dove e con quale nome registrare il file che vogliamo scaricare.

Inseriti i dati la finestrella inizia il download indicando lo stato, la percentuale, i dati scaricati e la velocità di download (o di seeding). In basso troviamo a sinistra il nome del file scelto e a destra due piccole icone: un pulsante rosso per interrompere il trasferimento e prima una chiave inglese per andare alle impostazioni.

BitLet in azione

Impostazioni

Seppure non può competere direttamente con un client a sé stante BitLet ha persino una pagina per le impostazioni. Qui si possono specificare due parametri.
Il primo permette di cambiare la porta di ingresso, fissata normalmente sul valore 6881. Può rivelarsi utile se ci sono limiti sulle porte o se non si ha accesso diretto ad Internet e si è dietro un NAT.
Il secondo parametro modificabile è il rate massimo di upload, cioè la velocità della o meglio la quantità di banda che vogliamo dedicare a condividere, valore specificato in KiloBytes e fissato dal sito a 1024.

Automatizziamo?

bookmarklet di BitLet su Demonoid L’uso di BitLet si può rendere ancora semplice ed istantaneo grazie a una bookmarklet che permette di ottenere un link diretto per scaricare dai maggiori siti di torrent. Ce ne sono due, per Firefox ed Internet Explorer (ma funziona anche su Safari). Il codice Javascript contenuto forza la comparsa nella lista di file condivisi di un pulsante “download by bitlet” che evita di dover fare copia e incolla nella home di BitLet.
Il bookmarklet funziona sui maggiori siti quali the pirate bay, mininova, demonoid, torrentmatrix, sumo torrent, torrent portal, meganova, torrentreactor.to, torrentreactor.net, bitenova.com e altri ancora.

Non solo download

La condivisione è parte della filosofia e cultura di BitTorrent. Anche su BitLet vale la raccomandazione a download concluso di lasciare a disposizione degli altri quanto scaricato. Il sito inoltre permette anche l’upload. All’url www.bitlet.org/upload si può creare e caricare un nostro metafile torrent indicando l’indirizzo del tracker (di fabbrica è indicato The Pirate Bay), eventuali commenti e poi selezionando dal nostro disco ciò che vogliamo condividere.

Una versione di questo articolo è stata (presumibilmente) pubblicata su "Hacker Journal" nel novembre 2007



Pubblicato il 30/11/2007 e archiviato in: articoli  
Tag: , , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2018 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link