NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Arriva lo sp.am?

L’ultima tecnica degli spammer: inserire punti tra le lettere, richiamando i nomi di servizi Web2.0 come del.icio.us o ma.gnolia. Che rischiano di venire penalizzati.

di Nicola D’Agostino

Tra le tecniche usate dagli spammer c’è il camuffamento dell’oggetto dei messaggi in modo che sia comprensibile al lettore ma superi i controlli dei software antispam.
Nei titoli dei messaggi di posta spazzatura si sono sinora viste usare grafie estremamente originali, con spazi e numeri, che in alcuni casi imitavano il gergo informatico 3l337.

Dagli ultimi messaggi indesiderati ricevuti l’ultima “moda” degli spammer sembra essere quella di inserire punti tra le lettere, richiamando i nomi di servizi Web2.0 come del.icio.us o ma.gnolia.

Eccone un esempio (il grassetto è mio):

Reply-To: “Erika”
From: “Erika”
Subject: Re: Possi.ble m.eeti.ng

L’effetto di questa tecnica è di ritorcersi contro i servizi leciti che del “dot qualcosa” fanno un uso distintivo. Già ora alcuni provider intercettano e segnalano come indesiderati i loro comunicati via email ma in un prossimo futuro, viste le capacità di “apprendimento” degli antispam si rischia di arrivare all’equivalenza (errata) di pa.role.con.punti=spam.

Articolo originariamente pubblicato su Mytech.it



Pubblicato il 9/05/2007 e archiviato in: articoli  
Tag: , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2018 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link