NicolaD'Agostino.net

ARTICOLI / GRAFICA & WEB / TRADUZIONI
/ INFO - ENGLISH CONTENT

illustrazione nicoladagostino.net

Apple: già venduti tre milioni dei nuovi iPad

Vendite record per l’esordio del tablet di terza generazione di Apple, che tra qualche giorno arriverà anche in Italia.

di Nicola D’Agostino

newipad-splash

Apple ha annunciato di aver venduto tre milioni di nuovi iPad di terza generazione dalla messa in commercio del tablet negli Stati Uniti e altri nove paesi lo scorso venerdì 16 marzo. Per fare un confronto è il caso di ricordare che, nel 2010, il primo modello di iPad ha impiegato quasi tre mesi per raggiungere lo stesso risultato.
Un’avvisaglia dell’ottima accoglienza da parte del pubblico è arrivata già durante il fine settimana dall’operatore telefonico AT&T, storico partner dell’azienda californiana, secondo cui le vendite nelle prime ventiquattro ore sono state le più alte mai viste in un lancio dell’iPad.

Durante un incontro con la stampa in cui è stato annunciato un programma di distribuzione dei dividendi e riacquisto di azioni, l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, aveva detto agli analisti di essere “eccitato” dai risultati degli scorsi giorni e aveva parlato di “record” ma aveva per il momento evitato di dare cifre.
Nel comunicato diffuso, il Vice Presidente responsabile del Worldwide Marketing di Apple, Philip Schiller, usa toni trionfali e definisce il nuovo iPad come un “blockbuster” e aggiunge che l’azienda non vede l’ora di rendere il dispositivo disponibile a ulteriori clienti in altri paesi del mondo (tra cui l’Italia), il prossimo venerdì.

Una versione di questo articolo è stata pubblicata su Panorama.it



Pubblicato il 20/03/2012 e archiviato in: articoli  
Tag: , , , ,


Il sito non ha carattere di periodicità e non rappresenta "prodotto editoriale". Il materiale è riprodotto a scopo puramente informativo e illustrativo e resta di proprietà dei legittimi titolari.

© 2001-2019 Nicola D'Agostino - - ditta individuale - P.I. 01810000685 ingegnere culturale disciplinato ai sensi della legge 4/2013 - Avvertenza sui link